Categorie
Lavoro Social network

I Social Network causano depressione nei teenager

Confidare i propri sentimenti in Rete porterebbe ad un aumento di ansia e di depressione negli adolescenti. Queste le conclusioni di uno condotto da un team di ricercatori della Stony Brook University di New York.

web 2.0L’analisi è stata condotta in due diversi step: durante la prima fase sono state intervistate 83 teenager con età media intorno ai 13 anni con domande atte ad anlizzare la quantità di tempo passata in Internet a comunicare con gli amici. In particolar modo si è voluto osservare quale percentuale di questo tempo venisse utilizzata per confidarsi rispetto alle proprie situazioni sentimentali. La seconda fase dello studio è avvenuta ad un anno dalla prima, in cui i ricercatori hanno analizzato le eventuali evoluzioni, sottoponendo le teenager ai tipici test per la determinazione dello stato depressivo.

I risultati sembrerebbero evidendiare una stretta correlazione tra la quantità di tempo passato in Rete a confidarsi e l’aumento dei sintomi che possono indurre a depressione. Rischio sensibilmente amplificato dalla continua affermazione di piattaforme di , i blog e dall’uso massivo di IM.

Considerato che i fenomeni che vedono il Web protagonista male si sposano con le mezze misure,si potrebbe pensare che il passo tra esaltare il Web 2.0 e demonizzarlo come causa di patologie croniche è assai breve.

A mio avviso questo studio dimostra come ci sia un uso distorto dei Social Network e degli strumenti di comunicazione in Rete. Da una parte la questione è lato user: gli adolescenti sono forse un po’ troppo tecnologicamente “immaturi”, usando questi strumenti come lavagna su cui tracciare le evoluzioni della propria intimità, esponendole senza riserve al pubblico dominio. La personalità di alcuni di loro, forse ancora troppo fragile, potrebbe essere lasciata in balia di consigli e raccomandazioni di chiunque, con la conseguenza di uno smarrimento della propria identità

Generalizzando il discorso, ritengo che i Social Network siano nati e sviluppati per comunicare, condividere, intessere relazioni. Alcuni mettendo al centro i contenuti (YouTube, Last.fm, Flickr) altri concentrandosi sul profilo vero e proprio delle persone che li popolano (FB, Badoo, LinkedIn). La “socialità estesa” (termine con cui definisco le possibilità di comunicazione offerte dai Social Network) non include necessariamente l’esposizione totale della persona, ma si limita ad abilitare gli individui ad entrare in contatto tra loro, scambiarsi idee, condividere esperienze e tessere nuove relazioni.

Senza dubbio queste piattaforme permettono alle persone di rivelare qualsiasi informazione di se stesse, tanto da costruirci un business; di ieri infatti la notizia che FB permetterà alle aziende di compiere ricerce di mercato, ovviamente profilatissime. Ricordo però che la volontà di rivelare più o meno informazioni personali è sempre demandata alla coscienza all’utente stesso.

Insomma…tutto dipende da come si usa il mezzo che, di per sè, non è nè buono nè cattivo.

Personalmente, se devo confidare qualcosa di personale, lascio da parte il Web e uso il modo più analogico (ed efficace) del mondo: il mio migliore amico.

Di Matteo Galli

Classe '83. Le cassette prima le ho usate con un Commodore 64 e solo dopo in un Walkman. Connesso dal 1993, senza soluzione di continuità. Interista integralista. Apple addicted. Milanese di nascita. Partenopeo d'adozione.
Head of Communication in bSmart Labs e consulente di comunicazione digitale con particolare focus sui liberi professionisti e le micro imprese.