Lago Gabiet, Gressoney

Le cose semplici della vita

L’amore di Gerry Watson per le cose semplici della vita contrastava con la sua giovane età. Mentre la maggior parte dei ventiseienni si trovava nel proprio elemento al bar o in discoteca, lui preferiva partire per la collina con la tenda e l’attrezzatura da campeggio. Lontano dalla civiltà si sentiva pieno di vita; non si metteva a imprecare se in una zona il cellulare non prendeva  e riusciva a vivere benissimo senza SMS e social network. Gli ampi spazi aperti erano i posti che amava di più e quando era a contatto con la natura le sue preoccupazioni svanivano.

Casey Hill, Tabù, p. 83, Mondadori 2012

Classe '83. Le cassette prima le ho usate con un Commodore 64 e solo dopo in un Walkman. Connesso dal 1993, senza soluzione di continuità. Interista integralista. Apple addicted. Milanese di nascita. Partenopeo d'adozione. Communication Manager in bSmart Labs e consulente di comunicazione digitale.

Next ArticleBolt è un alieno, 3 medaglie d'oro a Londra 2012