Apple Music vs Spotify: vantaggi e svantaggi

Apple Music vs Spotify: chi vince la sfida?

In qualità di utente di Sportify Premium da oltre un anno, l’amico e collega Pino Pignatta mi ha chiesto di scrivere qualche impressione a caldo su Apple Music per il sito famigliacristiana.it, sito che seguo da settembre 2014 in qualità di Social Media Specialist e Content Editor.
Ecco cosa ne è venuto fuori dopo aver testato il servizio di Apple da qualche ora. Ho cercato di mettere in luce pregi e difetti che mi sono balzati all’occhio.

E’ tutt’altro che un giudizio definitivo: ai più potrebbe risultare addirittura lacunoso e impreciso. Ho semplicemente voluto buttare giù qualche riflessione immediata, istintiva, più simile ad un intuizione che a una riflessione approfondita. Lo sapete, quando vedo qualcosa marchiato con la Mela, difficilmente resisto ;).

Per questo sono aperto al confronto: Qualcuno di voi ha già avuto modo di provare Apple Music? Cosa ne pensate? Avete avuto le mie stesse impressioni?

Continua a leggere…

Mac vs Pc

Dimmi che computer usi e ti dirò chi sei

Mac vs Pc

Clicca sull'immagine per vedere l'infografica completa

 

Utenti Mac e Pc a confronto. Tutto spiegato con l’immediatezza di un’infografica.
Più simile ad un profiling psicologico (uh, Wikipedia non fornisce definizione della parola, c’è qualche psicologo all’ascolto che voglia contribuire?) che ad uno studio sul target.

Ne pubblico solo la testata per ovvi motivi di spazio: se interessati ad  approfondire cliccate sull’immagine per gustarvela in tutti i dettagli 🙂

[via]

TuneUp: ordinare e catalogare i brani di iTunes automaticamente

TuneUp

Se c’è una cosa che proprio non mi piace è avere la mia libreria iTunes disordinata. Sarò anche paranoico e estremamente pignolo ma vedere tutti i miei brani belli ordinati e completati di tutti i campi principali mi provoca un piacevole senso di ordine 🙂
Non dispongo di migliaia di brani ma mi piace che tutte le informazioni siano precise per ridurre al minimo il tempo di ricerca di un brano.

Oggi mi sono imbattuto quasi per caso in TuneUp, un software che in modo totalmente automatico permette di tenere in ordine la vostra collezione musicale; utile soprattutto a chi può vantare una discografia sterminata.

Cosa fa TuneUp?

Il software offre un paio di servizi utili:

  • Funzione Pulisci. Trascinando il brano di cui non disponete tutte le informazioni o brani che mischiano più campi, il software è in grado di riconoscere la traccia, interrogare il proprio database e restituire una formattazione corretta e completa della canzone. Certo, si tratta di un servizio automatico ma ho avuto modo di metterlo alla prova e devo dire che i risultati che restituisce sono veramente ottimi
  • Funzione Copertina. Direi che questo servizio abbastanza autoesplicativo, no? :p

TuneUp

Quanto costa?

TuneUp si può scaricare da qui, e la versione free permette di “pulire” fino a 100 brani e di scovare 50 copertine. Dopo questi limiti sarà necessario acquistare il software.

Se volete acquistarlo, potete visitare la pagina dello store. Sono a disposizioni due versioni:

  • TuneUp Gold: 29,95$ per avere una licenza per un computer valida a vita
  • Tune Up Annuale: 19.95$ licenza per l’utilizzo valida un anno

Quasi quasi ci faccio un pensierino… A proposito, conoscete altri software che facciano lo stesso mestiere? Me li segnalate?

NB= chi compra brani solamente da iTunes ovviamente non ha problemi perché le canzoni vengono scaricate complete di tutti i dati in ordine e con la loro copertina. Ma si sa, non sempre tutti i brani che abbiamo sul nostro pc arrivano da iTunes. Chi ha orecchie per intendere, intenda… 🙂

iPad: una bellissima parodia

Ho già espresso la mia opinione sull’iPad qualche giorno fa. Come è naturale,  ogni oggetto che diventa uno status symbol presta il fianco ad innumerevoli parodie. Il neonato tablet della Apple non è stato certo escluso da queste dinamiche, anzi. Come dire: l’iPad o si odia o si ama.
Questa, tra le tante, è quella che mi ha colpito maggiormente. E’ realizzata bene e si mixa perfettamente con il mood Apple. Veramente un lavoro fatto bene.
Sono certo che anche ai più incalliti sostenitori dell’iPad questo breve video riuscirà a strappare un sorriso.

Tra l’altro, questi sono produzioni che, una volta di più, dimostrano che la rete sia abitata da gente veramente in gamba e con creatività da vendere.

Non è carino?

Perchè non comprerò un iPad (per ora)

Chi mi conosce personalmente sa che sono in tecnofilo con una grande curiosità verso tutto ciò che il mercato dei dispositivi digitali ha da offrire.
Tuttavia nel caso dell’iPad il mio coinvolgimento è stato differente: ho notato parecchio entusiasmo in rete, tanto da portarmi a diffidare da tanta esaltazione.
Ritengo che l’equilibrio dei giudizi non è da ricercare negli estremi. Ho quindi aspettato che l’hype scendesse per poter ragionare a mente sgombra.

Come ho già detto a chi ne è possessore (e che gentilmente me lo ha fatto provare per qualche istante) lo ritengo un dispositivo perfetto per fruire il contenuto come guardare video, sfogliare foto o navigare pagine web che richiedano una soglia minima di interazione.
Non si può negare l’impeccabile resa visiva di fotografie e filmati, da sempre fiore all’occhiello dell’azienda di Steve Jobs.

L’ho trovato invece scomodo (se non proprio inusabile) per quando riguarda l’immissione di contenuto (scrittura mail, editing di docs, compilazione form online).
Ciò dipende in larga parte dalla sua conformazione: un oggetto piatto non sarà mai adatto a  prestarsi alla digitazione prolungata.

Ad ogni modo sono certo che l’iPad, e il mondo dei tablet in generale, saranno il futuro dell’home computing, ma credo che il prodotto attuale si debba largamente migliorare.

Per questo ho deciso di attendere e i motivi della mia scelta sono dovuti ad alcuni fattori deterrenti:

  1. Di norma non compro mai un oggetto di questo valore alla prima release. Sempre più spesso nel mondo tecnologico gli early adopters come dei beta testers: gente che testa il prodotto, per di più pagando per farlo. Apple punta su questi utenti per sondare il terreno e correggere il tiro nelle versioni successive.
    Le cronache di questi giorni hanno dimostrato che ci saranno sempre persone che accetteranno di sostare ore fuori dagli Apple Store pur di essere i primi possessori di questi oggetti del desiderio.
  2. Ok, sara anche meno di un computer portatile e molto più di un iphone, ma non ha il multitasking. A mio avviso questa è una grave pecca dell’iPad.
    Duramente rivoluzionerà il mondo della fruizione dei contenuti fino a quando la possibilità di mettere delle apps in background non lo trasformeranno in un oggetto cross-tasking, esattamente come ora sono i notebook.
  3. Non ha una fotocamera per videoconferenze.
  4. Per ora il mio bisogno di connettività e pienamente soddisfatto dall’iPhone.
  5. Banalmente, è dura dirlo per uno come me: non ne sento il bisogno.

Questa è la mia posizione attuale. Nulla vieta di presentarmi al primo Apple Store non appena i 5 punti sopra indicati dovessero subire una variazione tale da farmi cambiare idea 🙂